L’avv. Stefania Gicheva e l’avv. Petromir Kancheff dallo Studio Legale “Kancheff, Gicheva, Marnikas and Partners” hanno participato in Conferenza internazionale sullo scambio di buone pratiche sui problemi pratici nell’attuazione della Carta dei diritti fondamentali dell’UE, tenutosi 22-24 novembre 2019 a Sofia.

Più di 250 giudici ed avvocati bulgari, greci e rumeni si hanno incontrato presso la residenza Boyana per una formazione congiunta di tre giorni sui diritti umani nell’UE. Loro hanno scambiato esperienza e buone pratiche nell’attuazione della Carta dei diritti fondamentali dell’UE da parte dei tribunali nazionali. La conferenza fa parte del progetto Hub – Come attuare la Carta dei diritti fondamentali dell’UE nei Balcani. L’evento è stato organizzato dal Centro per l’apprendimento permanente dell’Università di Sofia, in collaborazione con l’Organizzazione di diritto pubblico europea (EPLO) dalla Grecia e dall’Università di Bucarest, Romania. La conferenza è stata anche l’occasione del 12° anniversario dell’entrata in vigore del trattato di Lisbona e della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Il focus della conferenza era sui principali problemi teorici e pratici della definizione dell’ambito di Carta nella sua applicazione negli Stati membri dell’UE.

Sono state discusse le questioni attuali relative alla definizione dell’ambito della Carta alla luce delle recenti pratiche della Corte di giustizia dell’UE, nonché le dimensioni procedurali dell’applicabilità della Carta a un tribunale nazionale. Gli argomenti sono stati inoltre accompagnati da una discussione pratica. Sono state anche prese in considerazione le limitazioni all’attuazione di alcune disposizioni della Carta (“principi-norme”) ed il problema comune dei diritti dei rifugiati nei 3 paesi – nel contesto del diritto dell’UE e della Carta.

I relatori principali sono stati la dott.ssa Angela Ward e la dott.ssa Kathleen Gutman della Corte di giustizia dell’UE, arbitri nell’ufficio del procuratore generale Evgeni Tanchev. I giudici delle Corti supreme di Grecia, Romania e Bulgaria hanno presentato la loro esperienza ed i problemi di attuazione della Carta nei rispettivi paesi.