L’Associazione dei condomini può essere costituita per uno o più ingressi dell’edificio o per più edifici semi-indipendenti in regime di proprietà condominiale. I proprietari dei appartamenti possono costituire un’associazione al fine di assorbire risorse dei fondi europei per ristrutturazioni immobiliari e/o dei fondi statale o comunale. L’Associazione può svolgere anche altre attività, legate alla gestione delle aree comuni del condominio.

Tieni presente che il più delle volte la gestione dei condomini in un complesso residenziale ad accesso riservato è regolata da un contratto concluso tra l’investitore e i proprietari. Tuttavia, i proprietari possono costituire un’associazione, invece di firmare un contratto di manutenzione con l’investitore.

L’Associazione dei condomini deve essere registrata presso il rispettivo comune nel quale si trova l’edificio. L’Associazione deve essere inoltre iscritta obbligatoriamente all’albo BULSTAT.

Ogni associazione possiede un’assemblea dei condomini, un consiglio direttivo o il responsabile amministrativo e un consiglio di controllo.

L’Associazione dei condomini può essere costituita dai proprietari, rappresentanti almeno il 67 per cento delle quote indivise delle parti comuni.

Qualsiasi proprietario può chiedere la convocazione di un’assemblea costituente e può presentare un progetto di accordo sulla costituzione dell’associazione.

L’Assemblea condominiale è convocata su invito. La convocazione contiene l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’ora della riunione. All’invito deve essere allegato anche il progetto di accordo sulla costituzione dell’associazione.

Nel caso in cui l’Associazione sia costituita solo allo scopo di partecipare a un determinato programma di finanziamento, l’assemblea può fissare un termine specifico per l’esistenza dell’associazione.

L’accordo sulla costituzione dell’Associazione dei condomini contiene:
  • il nome e l’indirizzo dell’associazione;
  • l’oggetto dell’attività dell’associazione;
  • le procedure decisionali;
  • la composizione, il mandato e l’organizzazione dei lavori del consiglio direttivo o il responsabile amministrativo e dell’organo di controllo;
  • altre condizioni concordate tra i proprietari.

Il presidente del consiglio direttivo (il responsabile amministrativo) deve presentare domanda entro 14 giorni dall’Assemblea condominiale al comune per l’iscrizione dell’associazione in un registro pubblico.

A seguito dell’iscrizione al registro l’amministrazione comunale rilascia un attestato di iscrizione anagrafica.

Entro 7 giorni dal ricevimento dell’attestato di iscrizione, il presidente del consiglio direttivo (il responsabile amministrativo) deve presentare domanda di iscrizione dell’associazione all’albo BULSTAT.

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci via e-mail: office@kgmp-legal.com o chiamaci al numero: +359 2 851 72 59.

Invia una richiesta

Contatti
Primo
Scorso