Qualsiasi impresa commerciale in Bulgaria può nominare un institore per gestire la propria società. Più spesso, le società bulgare di proprietà di persone fisiche e giuridiche straniere nominano un institore per svolgere tutte le attività commerciali della società. Tuttavia, il potere di rappresentanza dell’institore è più limitato di quello dell’amministratore della società. L’institore può essere lavoratore autonomo o subordinato.

La procura institoria deve essere autenticata da notaio. Inoltre, la firma dell’institore va iscritta presso il Registro delle Imprese.

Nel caso in cui sono preposti più institori, questi possono agire disgiuntamente o congiuntamente. Una rappresentanza mista è preferita per la conclusione di contratti di maggior valore, per l’utilizzo di mutui e crediti, ecc.

La conclusione di un contratto di procura institoria tra la società e l’institore è obbligatoria. Il contratto può essere concluso a tempo indeterminato o/a tempo determinato.

All’istitore spetta un compenso mensile il cui importo sarà concordato fra le parti. Inoltre, possono essere previsti vari bonus per i risultati raggiunti.

L’institore può rappresentare la società dinanzi a terzi, e.g. le banche, le autorità statali e comunali. Inoltre, l’institore ha rappresentanza sostanziale con possibilità di sottoscrivere contratti e compiere transazioni in nome della società, di operare con i conti bancari dell’azienda, ecc.

L’institore può essere espressamente incaricato di svolgere le funzioni del datore di lavoro. Ad esempio, per concludere, modificare e risolvere i contratti di lavoro, per esercitare il potere disciplinare, per inviare i dipendenti in trasferte, ecc.

L’institore deve firmare i documenti aggiungendo alla nominazione della società il proprio nome e un testo aggiuntivo, indicando la procura.

Salvo espressa autorizzazione, l’institore non può alienare o gravare su beni immobili della società. Inoltre, l’institore si vincola a non svolgere attività concorrenziale.

La procura institoria ha effetto nei confronti dei terzi dopo l’iscrizione nel Registro delle Imprese.

L’autorizzazione dell’institore può essere revocata in qualsiasi momento. Il recesso della procura è subordinato anche all’iscrizione nel Registro delle Imprese.

Il contratto di procura institoria può essere risolto anche nei seguenti casi:
  • di comune accordo tra le parti;
  • alla scadenza del termine del contratto, se concordato;
  • unilateralmente dall’institore previa comunicazione scritta;
  • in caso di morte dell’institore;
  • in caso di trasformazione, liquidazione o apertura di procedura concorsuale della società, ecc.

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci via e-mail: office@kgmp-legal.com o chiamaci al numero: +359 2 851 72 59.

Invia una richiesta

Contatti
Primo
Scorso